Escursioni

Prossimi eventi

Monte Pala (Da Clauzetto)

Data: domenica 29 Maggio 2022
All-day event
2022

La partenza avviene dal parcheggio a monte della chiesa parrocchiale San Giacomo di Clauzetto. La prima parte dell’escursione si svolge sulla strada per la Pieve di San Martino per lasciarla dopo poco. Il percorso attraversa il bosco su sentiero pulito per giungere ad un bellissimo punto panoramico dove si trova un faro. Si completa il percorso salendo fino a malga Polpazza. La discesa avviene per la strada di accesso alla malga stessa.

Partenza: ore 8,00 dalla sede sociale
Difficoltà: E – Escursionistica
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 600 circa
Tempo di percorrenza: 6 ore circa
Coordinatore: Costantino Cozzi 0427 907702 – 347 6854675
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 28

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Anello del Monte Osternig

Data: domenica 5 Giugno 2022
Luogo: m 2.050
2022

Si risale il vallone di Ugovizza fino alla radura dove termina il tratto consentito alle auto. L’escursione ha inizio lungo il sentiero n. 507 che, costeggiando il Torrente Pleccia, arriva all’omonima Sella. Qui si inverte decisamente la direzione proseguendo a sinistra; superata la Cappelletta di Madonna della Neve si giunge a Sella Bistrizza da dove inizia la vera e propria ascesa al Monte Osternig. Attraverso il sentiero n. 481a raggiungiamo la vetta orientale (Croce) e successivamente quella occidentale (2.050 m). La cima, grazie al relativo isolamento, gode di un notevole panorama sulle Alpi Carniche Orientali, sulle Giulie e sulla Valle del Gail che corre da Ovest a Est nel versante austriaco. Possibile la visita a fortificazioni discretamente conservate. La discesa avviene tramite il sentiero n. 481 fino alla Sella dove riprendiamo a destra il sentiero 507 che, affiancando la radura che ospita il rifugio Nordio, ci riposta rapidamente al parcheggio.

Partenza: ore 6,30 dalla sede sociale
Difficoltà: E – Escursionistica
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 800
Tempo di percorrenza: 3 ore salita – 2,50 ore discesa
Coordinatore: Luigi Petrucco 335 748 4995
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 19

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Col Mat

Data: domenica 12 Giugno 2022
Luogo:  m 1.981
2022

Arrivati a Pieve d’Alpago si raggiunge il rifugio Carote e per strada stretta e ripida si raggiunge infine un largo parcheggio (1500 m). Da qui si raggiunge il fabbricato del Rif. Dolmier dove inizia il sentiero n. 905 che sale dolcemente fino al bivio con il cartello Col Mat. Si prosegue a sinistra tagliando il verticale fianco in buona diagonale. Viene così raggiunto il punto piЭ basso della cresta, da qui in poi il sentiero si fa più esposto: EE segnalato da un triangolo azzurro. Si consiglia di procedere con prudenza e attenzione su tutto il percorso anche se è sempre buono e ben tracciato su tutta la cresta fino a raggiungere la sommità del Col Mat (1.981m) Per la discesa si ritorna a forcella Col Mat e si segue la traccia per For. Dolada e per facile sentiero si scende direttamente al parcheggio.

Partenza: ore 7,00 dalla sede sociale
Difficoltà: EE – Escursionisti Esperti, percorso breve ma molto appagante
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 550
Lunghezza: 6,3 km
Tempo di percorrenza: 4 ore circa
Coordinatore: Bruno Filipetto 320 4566166
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 12

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Malvuerich Alto

Data: domenica 19 Giugno 2022
Luogo: m 1.899
2022

Seguendo la strada per Passo Pramollo, giunti a circa 1.300 m si imbocca la trattorabile che conduce a Località Stampoden dove parcheggiamo l’auto. Seguendo i segnavia azzurro-arancio dell’Alta Via CAI Pontebba si scende per un breve tratto (possibile guado Rio Winkel), si attraversa interamente un’ampia radura e si inizia a prendere decisamente quota salendo dentro un bosco di faggio e abete rosso. Un canalino attrezzato (catene e scaletta metallica) ci porta a Forca Glome superata la quale si prosegue in un ambiente completamente diverso, costituito da pendii erbosi punteggiati da abeti.
Il sentiero piega a destra, riprende a salire con piccoli tornanti in mezzo ai mughi e guadagna una piccola insellatura che separa le cime dei monti Malvuerich Alto e Basso (possibile deviazione per visitare la cima di quest’ultimo). Proseguendo lungo il segnavia ci si immette sul sentiero che con pendenza decrescente traversa ripidi verdi e oltrepassato un aereo intaglio ci fa guadagnare la piccola cima del Marvuerich Alto (m 1.899, campana e libro di vetta). Da qui si gode di un’ottima visuale sui conti che circondano il Passo Pramollo (Creta di Pricot, monti Cavallo, Auering e Corona).
Ritornati sui propri passi fino al bivio, proseguiamo in discesa fino a raccordarci col sentiero CAI n. 433. La mulattiera di guerra è larga ma richiede qualche attenzione per la presenza di qualche suggestivo passaggio esposto (ponticello di legno e fune metallica per aggirare aereo sperone roccioso). Attraversate due gallerie artificiali giungiamo alla Sella della Pridola (resti di costruzioni militari) e proseguiamo la discesa seguendo le indicazioni per Passo Pramollo e Baita Winkel. Da qui in breve si raggiunge la strada asfaltata in prossimità della Caserma della Finanza. Non disponendo di una seconda autovettura sono necessari circa tre km per scendere al punto di partenza.

Partenza: ore 6,30 dalla sede sociale
Difficoltà: E – Escursionistca
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 800
Tempo di percorrenza: 3 ore salita – 2,50 ore discesa
Coordinatore: Galileo Passudetti 347 4421485
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 18

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Forcella la Porticina – Ponza Piccola

Data: domenica 26 Giugno 2022
Luogo: m 1.925
2022

Parcheggiato presso il Bar Edelweiss ai laghi di Fusine, m 926, imbocchiamo il sentiero CAI n. 512 all’interno di un fitto bosco. Si prosegue la salita fino a raggiungere il crinale occidentale della Ponza. Dopo un po’ raggiungeremo il punto più impegnativo del percorso, un canale detritico dirupato ma ottimamente attrezzato. Superato questo tratto proseguiamo quasi in piano fino al bivio che conduce al rifugio Zacchi: continuando a sinistra raggiungeremo in breve la Forcella che si affaccia sulla Val Planica a m 1.844, dopo breve deviazione su sentiero detritico saremo sulla Ponza Piccola m 1.925.
Il ritorno sarà effettuato passando presso il rifugio Zacchi m 1.380, quindi per l’Alpe Vecchia e i pascoli dell’Alpe Tamar e in breve ai laghi.

Partenza: ore 7,00 dalla sede sociale
Difficoltà: E – Escursionistica
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 1.000
Tempo di percorrenza: 5,30/6 ore
Coordinatore: Luigi De Giusti 335 6063694
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 19

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Gendarmi degli Sfornioi

Data: domenica 3 Luglio 2022
Luogo: m 2.350
2022

Ai piedi dello Sfornoi Nord, sospese nel cielo in direzione delle crode di Bosconero, si profilano delle spettacolari guglie dolomitiche che sfidano la gravità, sono i Gendarmi degli Sfornoi. L’escursione ha inizio presso il Passa Cibiana. Per l’itinerario seguiremo i segnavia n. 483-485, quindi una traccia non segnata ma numerata fino alla cima dello Sfornioi nord, traccia non segnata fino ai Gendarmi degli Sfornioi.

Partenza: ore 7,00 dalla sede sociale
Difficoltà: E – Escursionistica fino alla Forcella de la Ciavazole, poi EE – Escursionisti Esperti
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 800
Tempo di percorrenza: 5 ore circa
Coordinatore: Giancarlo Martina 328 7745554
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 25

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Aquila del Frascola

Data: domenica 10 Luglio 2022
Luogo: m 1.616
2022

Un’escursione per esperti di circa 6 ore che ti porta a raggiungere casera Chiampis e poi l’aquila, ormai simbolo di Tramonti di Sopra. Un fantastico panorama sulle valli sottostanti ripagherà della fatica e della levataccia. Da Tramonti di Sopra si salirà in auto fino al passo Rest e da qui, lasciate le auto nella piazzola, si camminerà lungo la mulattiera fino all’imbocco del sentiero verso il Mugnol. Dopo un’altra ora e mezzo di cammino circa si raggiungerà la casera Chiampis (1.236 m), che sarà il punto di partenza per la salita verso l’aquila e la forcella Frascola, a un’ora circa dalla casera. Il percorso, che prevede anche qualche tratto esposto, è consigliato ad escursionisti esperti ma, una volta raggiunta la vetta, ripagherà tutti con un impareggiabile panorama sulle valli sottostanti. Il rientro è previsto lungo lo stesso percorso.

Partenza: ore 7,00 dalla sede sociale
Difficoltà: EE – Escursionisti Esperti
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 600
Tempo di percorrenza: 9 ore circa
Coordinatore: Loris Facchin 331 816 5975
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 28

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Anello del Belvedere degli Spiz

Data: domenica 17 Luglio 2022
Luogo: m 1.964
2022

Da Forno di Zoldo, (frazione Baron 850 m) si imbocca il sentiero n. 534 che sale le pendici boscose in moderata pendenza fino a sbucare presso la Casera di Mezzodì 1.349 m, da qui si prosegue fino ad arrivare nella conca di pascolo a breve distanza del rifugio Sora’l Sass G. Angelini 1.588 m. Ci si collega al sentiero n. 532 in direzione est che con un breve tratto attrezzato porta sulla cima del Belvedere degli Spiz 1.964 m. Si prosegue per la forcella Belvedere, poi in discesa fino a collegarsi al sentiero n. 531. Si raggiunge così casera Col Marsang (1.290 m) e dopo una lunga traversata ci si riporta alla frazione di Baron.

Partenza: ore 7,00 dalla sede sociale
Difficoltà: EE – Escursionisti Esperti, tratto attrezzato
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 1.200
Tempo di percorrenza: 6 ore circa
Coordinatori: Giovanni Cesare 331 5776052, Helena Benet 339 8970458
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 25

È richiesta la prenotazione ai coordinatori entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Cima Presanella

Data di inizio: sabato 23 Luglio 2022
Data di termine: domenica 24 Luglio 2022
Luogo: m 3.558 Via Normale
2022

La cima Presanella (Alpi Retiche meridionali – Gruppo Adamello Presanella) è una splendida montagna collegata da una lunga cresta alla cima Vermiglio, di cento metri più bassa. La salita, per la via normale, è di carattere alpinistico, richiede esperienza, conoscenza del territorio, attrezzatura completa e allenamento.

Primo giorno
Partenza da Spilimbergo in direzione Vermiglio. Dal punto in cui si lascia l’auto (m 1.800 circa), grazie ad abbondanti segnavia ci si innesta nel sentiero che percorre un lungo tratto a mezzacosta, supera una galleria scavata nella roccia dagli austriaci ai tempi della Prima guerra mondiale, passa sotto a una cascatella e comincia dunque a salire dapprima per larghi tornanti, quindi in modo più impegnativo a scavalcare il costolone su cui si trova il rifugio Denza Stavel a m 2.298.

Dislivello: 400 m circa in salita per uno sviluppo di circa 4.5 km
Tempo di percorrenza: 1,30 ore
Se invece si decide di parcheggiare in località Stavel, all’inizio della strada bianca (6,5 km), si può raggiungere il Rifugio imboccando il sentiero 206.
Dislivello: 900 m circa in salita
Tempo di percorrenza: 3,30/4 ore


Secondo giorno

Alla luce della frontale si lascia il rifugio e si percorre l’evidente sentiero in direzione passo del Cercen. Si risale un costolone, si trova subito la neve e ci addentra in un vallone che si traversa interamente in piano, a giungere all’attacco del ghiacciaio. Qui è indispensabile legarsi e indossare i ramponi. Si prosegue la salita in direzione della sella di Freshfield a quota 3.375 m, proprio sotto la punta Vermiglio. Da qui ci si abbassa di una cinquantina di metri su tratto attrezzato. Si scende dunque su bellissimo anfiteatro di ghiaccio che si percorre con un traverso in piano avendo bene in vista la cresta della Presanella, mantenendosi a destra per evitare cornici sporgenti, dapprima su terreno molto semplice, quindi su misto di roccette. L’ultimo tratto di cresta si affaccia in modo un po’ esposto sulla parete nord e successivamente un traversino con alcuni passi molto scabrosi e la risalita della cupola sommitale con pendenze sino a 45 gradi su ghiaccio ben scalinato e divertente fino alla vetta dove troveremo la croce. La via di discesa è la stessa della salita.

Dislivello in salita dal rifugio: 1.260 m per uno sviluppo di 7 km circa
Tempo di percorrenza: 6 ore
Dislivello in discesa al rifugio: 1.260 m, 7 km circa
Tempo di percorrenza: 4 ore
Dal rifugio all’auto, dislivello in discesa 400 m circa in 1,5 ore, km 4,5 circa.

 

Partenza: ore 6,00 dalla sede sociale
Difficoltà: EE – Escursionisti Esperti, PD – II
Equipaggiamento: alta montagna: imbrago, casco, piccozza, moschettoni a ghiera, cordino ghiacciaio, longe
Dislivello: 1° giorno 900 m o 400 m in funzione del punto di partenza; 2° giorno 1.260 m
Tempo di percorrenza: 1° giorno 4 ore oppure 1,30 ore in funzione della scelta in loco; 2° giorno 6 ore salita, 4 ore discesa
Coordinatori: Antonio Sovran 347 0480030, Flavio Truant 338 1738718
Trasporto: mezzi propri
Partecipanti: max 18 posti
Costo: 60,00 €
Carta topografica: Tabacco n. 52

Prenotazione obbligatoria entro il 24 giugno 2022 o ad esaurimento posti;
acconto 30,00 €.

Monte Coglians

Data: domenica 31 Luglio 2022
Luogo: m 2.780 Via Normale
2022

Arrivati a Forni Avoltri, dal centro del paese si imbocca la strada per il Rifugio Tolazzi 1.350 m, dove parcheggiamo. Si inizia seguendo la carrareccia a monte del rifugio, dopo un breve tratto si devia a destra per sentiero, passando per casera Morareet si arriva al rifugio Marinelli 2.111 m (ore 2,15).
Dopo una pausa, sempre su sentiero n. 143, si sale il dosso erboso, per poi attraversare lungo una cengetta rocciosa che termina alla base dell’ampio vallone ghiaioso, che saliremo faticosamente fino sotto la cima, dove qualche elementare gradino roccioso, ci facilita la progressione, fino a raggiungere il “tetto del Friuli”. Ampio il panorama dalla cima. Per il ritorno seguiremo il medesimo percorso.

Partenza: ore 6,00 dalla sede sociale
Difficoltà: E – Escursionistica
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 1.430
Tempo di percorrenza: 8,30 ore complessive
Coordinatore: Luigi Petrucco 335 7484995
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 1 o 9

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Eventi passati

Anello delle cinque malghe della Val Silisia

Data: domenica 22 Maggio 2022
2022

Questo itinerario ci permette di riscoprire un aspetto del lavoro che fino a pochi decenni fa interessava tutta la vallata: l’allevamento bovino ed ovino che utilizzava tutti i suoi territori. Ogni zona era dotata di malga per il ricovero del bestiame e dei pastori. Ripercorreremo i sentieri che collegavano le malghe Ciuccui, Chiavalot, Valine Alte, Salincheit, Ropa. Da Chievolis si raggiunge la località Panuch, dove parcheggeremo le auto. Partiremo dal sentiero CAI n. 967 e quindi proseguiremo verso le cinque malghe sul sentiero dei forestali.

Partenza: ore 7,00 dalla sede sociale
Difficoltà: E – Escursionistica
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 700
Tempo di percorrenza: 6,30 ore
Coordinatore: Lucio Vallar 338 7123637
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 28

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Cima Tulsti

Data: domenica 15 Maggio 2022
Luogo:  m 1.179
2022

Da Prato Di Resia, saliti i gradini del cimitero, tenendosi a sinistra, si seguono le Ancone della Via Crucis e ci si innesta sul sentiero principale. Su questo si arriva alla forcella di quota m 899 dove troviamo il sentiero CAI n. 631. Si segue lo stesso fino a quota m 1.076 quando lo stesso piega a sinistra, si prosegue sul crinale per giungere alla piccola cima Tulsti m 1.179. Rientro per lo stesso percorso.

Partenza: ore 7,00 dalla sede sociale
Difficoltà: E – Escursionistica
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 600 circa
Tempo di percorrenza: 6 ore circa
Coordinatore: Costantino Cozzi 0427 907702 – 347 6854675
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 27

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Monte Celant

Data: domenica 8 Maggio 2022
Luogo: m 1.093
2022

Il percorso origina dal sentiero n. 831A presso il guado sul Tarcenò (ca 415 m) e sale al borgo di Tâmar (660 m) per un vecchio e ben battuto sentiero. Lasciata a destra una derivazione che porta a Plendoria e oltrepassato il bivacco Varnerin, si prosegue fino a immettersi nel tracciato della recente strada forestale che porta ai prati nord del Monte Celant, godendo in questo tratto di un ampio panorama verso la Val Tramontina e il Monte Brusò. In corrispondenza di uno degli ultimi tornanti, il percorso lascia la strada e raggiunge la cresta alberata del monte toccandone la cima (1093 m). Dalla cima il percorso prosegue per la cresta erbosa in leggera discesa verso ovest; a una forcelletta piega quindi verso sud (sinistra) con pendenza molto marcata. Raggiunta la località di Zanon (517 m), il percorso punta decisamente a ovest (destra) fino a raggiungere, con diversi saliscendi e pendii franosi, la località di Tridis (420 m). Da qui si prosegue ora verso nord fino al torrente Tarcenò nei pressi del ponte stradale. Senza salire sul ponte, si continua costeggiando il torrente sulla sua sinistra orografica, quindi lo si attraversa in corrispondenza di un alto sbarramento-scolmatore. Per tratturi si arriva in località casa Comesta (c. 370 m), dove il segnavia 832 termina all’innesto con il segnavia CAI 831A. Seguire quest’ultimo, lungo la strada asfaltata, per tornare al punto di partenza.

Partenza: ore 7,30 dalla sede sociale, ore 8,00 Tramonti di Sotto
Difficoltà: E – Escursionistica
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 900 circa
Tempo di percorrenza: 5,30/6 ore circa
Coordinatore: Loris Facchin 331 816 5975
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 28

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione trami

Monte Prât e Madonna Ballerina

Data: domenica 3 Aprile 2022
2022

Dal centro di Forgaria nel Friuli (m 263) si salgono piccole gradinate locali attraversando il paese verso nord. Si imbocca il sentiero CAI n. 816 e con breve deviazione visitiamo il sito archeologico di un insediamento romano risalente al IV secolo a.C. Continuando a risalire il sentiero (begli scorci sull’Arzino), si arriva sul piacevole altopiano di Monte Prât (m 750 ca) punteggiato da molti caseggiati un tempo adibiti a malghe, ora per lo più case vacanza. Seguendo ancora per un po’ il segnavia CAI si giunge alle case di val della Borgna (m 826): qui si abbandona la strada e si scende a sinistra dentro un bosco di faggi, a tratti molto ripido, fino all’abitato di Pert (m 320). Ora si segue il segnavia CAI n. 814 verso sud che corre alto sopra l’Arzino. Il sentiero ricalca l’antico percorso intagliato lungo le ripide pendici orientali della Val d’Arzino, passaggio ordinario dalla pianura verso i paesi ubicati nell’alta valle. Arriviamo quindi ad un punto di sosta, sotto pareti incombenti, dedicato alla Madonna Ballerina (m 300 ca). Si racconta che l’immagine votiva della Madonna con Bambino sia chiamata “Madonna Ballerina” perché i valligiani, rientrando nell’Alta Val d’Arzino dalla lontana pianura friulana, facevano un giro di ballo davanti all’effige della Vergine come ringraziamento per i buoni affari conclusi. Molto più probabilmente (e meno romanticamente) la denominazione deriva invece dalla precaria stabilitÀ con cui l’effige della Vergine era stata collocata.
Dopo la sosta, si risale bruscamente per superare un costone roccioso e attraversare il rio Agarat. Ora il sentiero si fa più dolce: dopo aver oltrepassato la Costa Lunga si rientra a Forgaria passando sotto le balze dello Zuc Schiaramont.

Partenza: ore 7,30 dalla sede sociale
Difficoltà: E – Escursionistica
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 750 m
Tempo di percorrenza: 6 ore circa
Coordinatori: Gianpaolo Modolo 333 4200945, Giorgio Paron 338 3908073
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 20

È richiesta la prenotazione ai coordinatori entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Giornata dei Sentieri

Data: domenica 27 Marzo 2022
2022

Il sentiero è la strada dell’alpinista e la base di qualsiasi attività escursionistica, atletica ed esplorativa delle montagne. Quest’anno, nell’ambito dell’attività di recupero e manutenzione dei sentieri, il CAI di Spilimbergo propone una giornata di lavoro per la manutenzione e la pulizia di uno dei tanti sentieri gestiti dalla Sezione insieme alla Sottosezione Valtramontina e al Gruppo Val Meduna. Il percorso indicato dal segnavia CAI interessato all’intervento (che può essere considerata anche un’escursione) sarà deciso ad inizio primavera: la scelta verrà fatta in base ai danni che l’inverno avrà provocato sui vari itinerari. I soci troveranno in sede, a partire dagli inizi di maggio, tutte le informazioni sulle modalità e date dei lavori per poter dare il proprio contributo.

Il referente per la sentieristica è Loris Facchin 331 9165915

Anello del Monte Pecolat

Data: giovedì 3 Marzo 2022
2022

È un itinerario ad anello molto panoramico che ci farà scoprire aspetti inediti del territorio tramontino. Di facile percorrenza è adatto a tutti per iniziare gli allenamenti per le prossime escursioni. Terminato l’anello si proseguirà sul sentiero delle fornaci.

Partenza: ore 7,30 dalla sede sociale
Difficoltà: E – Escursionistica facile
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 200 m
Tempo di percorrenza: 5 ore
Coordinatore: Lucio Vallar 338 7123637
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 28

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Ciaspolata Notturna Valine Alte

Data: sabato 19 Febbraio 2022
Luogo:  m 1.344
2022

Si parte da località Panuch (678 m) e per tranquillo sentiero (n. 968) si raggiunge la casera Valine Alte (q. m 1.344), dove gli amici del gruppo CAI Val Meduna ci aspettano con il fuoco acceso e un buon bicchiere di vino. Il ritorno sarà effettuato per lo stesso sentiero di andata. L’escursione è condizionata dal manto nevoso.

Partenza: ore 18,00 dalla piazza di Meduno (fronte chiesa)
Difficoltà: EE – Escursionistica/Ambiente innevato e notturna
Equipaggiamento: media montagna, ciaspole, pila frontale
Dislivello: m 700
Tempo di percorrenza: 6 ore (più momento conviviale in malga)
Coordinatore: Renzo Casali 329 6227779
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 28

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Ciaspolata a Sella Prasnig Traversata Val Riofreddo – Val Saisera

Data: domenica 6 Febbraio 2022
Luogo:  m 1.504
2022

Dal paese di Riofreddo ci inoltreremo nell’omonima valle per pista forestale (sent. n. 618) che, in leggera pendenza, ci condurrà fino a un bivio a m 1.000 circa dove il sentiero, con pendenza più marcata, ci porterà all’ampia radura della Sella Prasnig a m 1.504. Dopo una sosta proseguiremo sempre per il medesimo sentiero e poi per sentiero n. 616 fino ai Prati Oitzinger in Val Saisera. Qui troveremo alcune auto, che avremo preventivamente parcheggiato al mattino, che ci riporteranno a Riofreddo.

Partenza: ore 7,00 dalla sede sociale
Difficoltà: E – Escursionistica
Equipaggiamento: media montagna, ciaspole
Dislivello: m 650
Lunghezza: km 14
Tempo di percorrenza: 7 ore
Coordinatore: Luigi De Giusti 335 6063694
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 19

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Anello di Valinis

Data: sabato 1 Gennaio 2022
2022

Festeggiamo insieme l’inizio dell’anno nuovo. Il percorso, che sarà interamente segnato, seguirà il sentiero CAI n. 819 per poi ridiscendere verso il punto di partenza attraverso Borgo Cilia.

Partenza: libera da Sottomonte di Meduno… ognuno parte quando vuole!
Difficoltà: E – Escursionistica
Equipaggiamento: media montagna
Dislivello: m 850 circa
Tempo di percorrenza: 5,30 ore circa
Coordinatore: Paolo Borsoi 347 6823665
Trasporto: mezzi propri
Carta topografica: Tabacco n. 28

È richiesta la prenotazione al coordinatore entro due giorni prima dell’escursione tramite sms o WhatsApp.

Auguri di Natale

Data: venerdì 17 Dicembre 2021
2021

Informazioni in sede